RSS

L’Inganno degli EuroBond. Ovvero: Merkel Resisti!

24 Mag

La gazzarra degli straccioni.

Come potete leggere anche nell’odierno articolo de “Il Giornale”, si fa sempre più intenso il pressing degli stati maiali verso la Germania affinché approvi gli Euro Bond. Cosa sono gli EuroBond? Sono l’allargamento di quel sistema di indebitamento dei governi che ha portato all’attuale fase della crisi. La crisi dei debiti sovrani. In pratica l’eurobond è l’equivalente dei BTP italiani, ma allargato a tutta l’Europa. Quindi se il pericolo di collasso italiano è dato dallo spread tra BTP e BUND, un domani con l’eurobond, il pericolo di collasso di tutta l’Europa verrà calcolato con lo spread tra eurobond e non so, buoni del tesoro americani, o cinesi, o quant’altro. L’eurobond è un modo “furbo” di indebitarsi. I paesi maiali sono incazzati perché la realtà oggettiva è calata sulle loro teste e gli ha detto in faccia: belli, guardate che nessuno può campare senza produrre. E’ il problema che ha la Grecia, il problema che ha l’Italia, quello che ha la Spagna e il Portogallo ed è, parimenti, il problema Francese. Ci sono un sacco di paesi europei dove non si produce più nulla perché la tassazione, le regolamentazioni e la follia legislativa e persecutoria delle classi politiche succedutesi, ha reso non conveniente produrre.

Tutto questo branco di fetide cicale guarda oltreconfine e vede un granaio immenso: quello della Germania. Allora dice: ma perché dovremmo cominciare a produrre per sostentarci quando la Germania ha ancora tanto tanto grano che noi potremmo continuare a mangiarci con disinvoltura?

L’idea quindi sarebbe quella di creare gli Eurobond, che indebitano complessivamente tutta l’europa e non solo le cicale, accollare l’enorme debito delle cicale sulle spalle dei pochi paesi produttivi e continuare a non produrre , sostanzialmente appoggiandolo nel didietro della Germania e dei cittadini tedeschi. Lo scopo è continuare come adesso, ma costringere i produttori ad accollarsi i debiti infiniti che vogliono continuare a fare i maiali. Una volta fossero approvati gli Eurobond, la Grecia e l’Italia non avrebbero nessun motivo per fare riforme atte a favorire la crescita del PIL, perché potrebbero attaccarsi come parassiti alla mammella tedesca, vivere di sovvenzioni statali a debito, ma un debito condiviso e soprattutto pagato da tutti gli stati europei e non solo da chi li fa. E’ il solito modo di allungare lo schema di Ponzi.

Grecia, Italia, Francia, Spagna e Portogallo, avendo arguito che hanno succhiato tutto il succhiabile dai cittadini dei rispettivi paesi, hanno pensato che sarebbe una ottima cosa se potessero adesso succhiare in maniera condivisa da tutti i cittadini europei. Come ogni socialista che si rispetti, rosicano che altri siano meno stupidi di loro e anelano alla distruzione di coloro che si sono comportati più virtuosamente. Nulla di nuovo sotto il sole. Il socialismo nasce per distruggere il merito e la virtù e premiare il parassitismo e l’incapacità congenita.

Gli Eurobond sarebbero la certezza che il collasso in Europa arriverà tutto insieme e travolgerà tutti gli stati. Sia quelli che lavorano, sia quelli che si grattano la pancia e parassitano gli altri. L’eurobond è il veicolo di infezione del virus del debito che, avendo visto che il corpo che lo ospita sta morendo, vorrebbe infettare un altro corpo per continuare a sopravvivere. L’eurobond è il passpartout per infettare tutta l’Europa.

L’eurobond è l’untore della peste nera, la legge che impedisce ai sani di chiudere la porta e non far entrare gli appestati in casa propria. L’eurobond è la legge per cui se non hai la peste, te la devi prendere a norma di legge.

Ed è per la sopravvivenza dei sani (o di quelli meno gravemente malati) che chiedo alla Merkel ed alla Germania di rifiutarsi CATEGORICAMENTE di fare una simile oscenità, per la quale tra l’altro sarebbero i primi temporalmente  a rimetterci. E’ per questo che la Merkel farebbe bene, anzi benissimo, a minacciare per prima un ritorno al Marco e una uscita dall’Euro NON della Grecia, ma della Germania stessa, con tanti saluti ai paesi minchioni, ai francesi socialisti di Hollande, ai Greci falliti, agli Italiani falliti, ignoranti e economicamente incompetenti.

Con l’aiuto di google translate quindi chiudo il post con un accorato appello in tedesco (forse).

Frau Merkel strikt weigern die Euro Bond!

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 24 maggio 2012 in crisi economica, Debito, Europa

 

Tag: , , , , , , , ,

3 risposte a “L’Inganno degli EuroBond. Ovvero: Merkel Resisti!

  1. freedom

    26 maggio 2012 at 09:14

    Condivido.
    E credo, anche se mi dispiace, che si possa tentare di salvarsi, oramai, solo a livello individuale (o poco più).
    Perchè non solo non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire, ma non c’è più tempo per togliere le storiche “fette di prosciutto” dagli occhi degli abitanti dei paesi “maiali”.

     
  2. libertyfighter

    28 maggio 2012 at 12:00

    Pienamente d’accordo.

     
  3. FP

    30 maggio 2012 at 20:09

    CATASTROFI SISMICHE IN ATTO, CATASTROFI FINANZIARIE ALL’ORIZZONTE….E NOI CELEBRIAMO LA PARATA!

    E’ bello sapere che abbiamo un presidente sobrio, un residuo dei soviet nostrani che pensa a noi… e meno male che c’è lui, egli ci onora e ci comprende, quasi, diciamo molto quasi, come un padre di famiglia.
    Egli sa quali sono le nostre necessità, e da buon vate della religione dello stato, vorrebbe curarci con un bel rito laico. Si è vero, siamo spiritualmente morti, ed è per questo che abbiamo bisogno di rivitalizzarci con una sana ondata di spititualità nostalgica… Sì, caro presidente, facci godere, non possiamo fare a meno delle vostre marionette, non possiamo fare a meno della nostalgica retorica di regime…Eh, bei tempi quando la piazza rossa era gremita di ragazzini, dei vostri figli, orgogliosamente iniziati alla guerra, bei tempi quanto i “servitori” del popolo di affacciavano salutando sobriamente con la manina al boato dei caccia e dei carri armati che passavano… Sì riscopriamo quel genere di sobrietà che ci manca tanto! Perchè, perchè quei tempi sono andati? Perchè non anche tu, re Giorgio?
    Beh che vuoi, la stella rossa è ormai passata.. ma anche noi abbiamo i nostri caccia, le nostre frecce, i nostri carri armati…facciamoli rombare sul suolo e nel cielo della città eterna… vogliamo forse deludere quelle poche migliaia di ragazzi che sono stati pagati apposta per prepararsi all’evento? Eh no caro sovrano, principe del potere totalizzante, no! Mica vogliamo fare a meno della parata? Ma sì, dai, spendi pure i nostri soldi…usali (e usa anche noi). Perchè in questo momento è bene spenderli al meglio i nostri soldi… cosa di meglio se non l’adorazione del potere del dio-stato e l’autocelebrazione di questa casta di, diaciamo così, di … beh non mi vengono i complimenti…
    Grazie di cuore, re Giorgio. E rivolgi a noi gli occhi tuoi misericordiosi, anzi soprattutto pensa a quei poveri disgraziati del terremoto quando passerano – assai sobriamente e con qualche nastro nero – le marionette che all’unisono volgeranno lo sguardo a te, o sole dell’italica gloria!
    Che bellezza vedere questa gioventù talmente indrottinata che addirittura si commuve e si vanta di aver sfilato davanti a te!
    Perchè questo è poco ma sicuro, come hai deto saggiamente, vengano i terremoti, venga anche la catastrofe finanziaria, l’Italia saprà reagire!

    P.S. spero che reagisca presto!

    P.P.S. Perchè il saluto le nostre marionette non lo fanno col fucile puntato verso i guai dell’italia?

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: