RSS

Soluzione Keynesiana alla Crisi economica.

11 Giu

La perfetta soluzione mainstream alla crisi economica la propongo io:

Con un bel finanziamento pubblico finanziamo le aziende che producono stampanti monetarie. Chiaramente questo finanziamento già contribuirà ad un significativo slancio economico. Poi mandiamo una stampante monetaria ad ogni cittadino, con la libertà di usarla secondo la sua necessità. La crisi di liquidità sparisce istantaneamente. Sono tutti solvibili. Sempre. Siccome la crisi è chiaramente di mancanza di liquidità il problema è superato. Poi ci sarebbe una enorme ripresa dei consumi, che come ben si sa sono loro che creano l’offerta, che di conseguenza si concretizzerà istantaneamente. Conseguente boom industriale. Inoltre tutti pagherebbero le tasse! L’evasione sparirebbe istantaneamente e potremmo pure pagare i finanzieri per non far nulla.

Cosa aspettiamo?

Annunci
 
6 commenti

Pubblicato da su 11 giugno 2012 in crisi economica, economia austriaca, moneta

 

Tag: , , , , , , ,

6 risposte a “Soluzione Keynesiana alla Crisi economica.

  1. Stefano Nobile

    12 giugno 2012 at 11:16

    Sarebbe l’avverarsi del paradiso in terra: dare ad ognuno secondo le proprie necessità e anche qualcosina in più. Non male.

    Ma, scusa, le cartucce d’inchiostro sono incluse? E la carta? No, perché qui è bene essere chiari, eh!

     
  2. libertyfighter

    12 giugno 2012 at 12:51

    Eheh è vero, non ci avevo pensato. Direi di produrne uno stock enorme col solito finanziamento pubblico che farà da volano economico. Tutto incluso.

     
  3. FP

    12 giugno 2012 at 14:52

    Scusate, ma io non accetto la vostra ingordigia, non per vantarmi (sobriamente), ma credo di essere molto più modesto, o per meglio dire più “sobrio” di Voi. Io mi accontento di poco… Ecco una piccola casetta in riva al mare, piccola sì ma con un minimo di giardino, magari confinante con la spiaggia. Mi accontento di una canna da pesca e di una sedia a sdraio dalla quale, sobriamente, contemplare il tramonto. Magari anche un ombrellone (perchè credo che esista un diritto di natura costituzionale ad avere il fresco quando il caldo è insopportabile) e magari qualche bibità, senza esagerare, tanto per sorseggiare qualcosa ogni tanto. Guardate, io non pretendo molto… si può essere felici anche così, senza dare noia agli altri, godendo della natura e senza cercare minimamente di produrre qualcosa, il che, come sappiamo, comporta inquinamento e sfruttamento della manodopera.
    A quanti miliardi ammonta il debito pubblico? Che ce ne frega, stampiamoci questi euri, togliamoci di mezzo lo spread e poi sono convinto che potremo vivere felici.
    E se avrò bisogno di quel minimo che merito, allora sai che vi dico? paghino una volta per tutte quei bastardi di evasori fiscali!

     
  4. andrea

    20 dicembre 2012 at 22:56

    e l’inflazione?

     
  5. libertyfighter

    28 dicembre 2012 at 17:07

    era un post ironico. Nella realtà qualunque soluzione keynesiana provoca inflazione e distrugge i risparmi.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: