RSS

Il PCUS ha scelto: vince le primarie la Patrimoniale.

03 Dic

Con il risultato atteso e annunciato dal politburo, il PCUS ha scelto il suo nuovo grande leader osannato da tutta la popolazione. Si tratta, incredibile a dirsi di Pierluigi Bersani. E’ ovvio che il candidato del PCUS non poteva essere altro che lui, in quanto ben voluto dai membri anziani, i quali si sa, sanno sempre cosa vuole il popolo.

La democrazia è quella cosa per cui tu voti, poi vince chi ha deciso il partito e infine tu prendi ordini. Almeno nell’Unione Sovietica si evitava di perder tempo a votare.

Voi direte che non ho prove che le elezioni siano farlocche. Infatti non ce le ho, però sono sicuro che l’elezione a capo di Bersani non era quotata da nessun bookmaker. Chissà perché. Come non lo erano quelle precedenti, con il Politburo che sceglie Frodi (e plebiscito), e poi Veltroni (riplebiscito).

Mai una volta che ci fosse stata una quotazione per Bersani vincente. Mi ci sarei volentieri giocato tutta la casa al netto dell’IMU.

Comunque, con la nomina da parte del comitato interno del partito di Bersani, si certifica la data della nuova patrimoniale ai danni degli italiani. Circa una settimana dopo la possibile vittoria del PD alle elezioni.

Se avesse vinto Renzi, probabilmente avrebbero avuto qualche difficoltà in più, magari avrebbero dovuto ricominciare con Monti. Invece adesso con Bersani, siamo in una botte di ferro.

Non ha detto un cazzo di niente di intellegibile sul programma, eccezion fatta per la Patrimoniale, alla quale lui è affezionato.

Tutti sono affezionati al patrimonio degli altri. Soprattutto i viscidi comunisti.

Il bello è che i lobotomizzati che hanno pure speso due euro per sapere che il Partito aveva scelto Bersani, sono pronti e felici a farsi inculare dalla patrimoniale.

Perché sono ancora convinti che:

  1. DOPO si abbasseranno le altre tasse. Inciso – MA SI PUO’ ESSERE PIU’ COGLIONI ???????????????????????
  2. SICURAMENTE colpirà i grandi patrimoni SOPRA i millemila euri. Beh, magari SOPRA i mille euri.

In realtà, ma costoro nemmeno una volta infiocinati e alzati a bandiera se ne renderanno conto, il programma di Bersani si esaurirà lì. In una bella patrimoniale che si AGGIUNGERA’ alle tasse che già paghiamo. Non verrà diminuita alcuna altra tassa se si esclude il caso in cui una famiglia sia composta da due genitori, quattro figli di cui due inabili, uno poliomelitico, l’altro vegetariano, con moglie a carico e nonno reduce di guerra.

In quel caso, aggiungeranno forse una riduzione dell’IRPEF. O dell’IMU.

La patrimoniale colpirà i piccoli patrimoni, per due motivi semplici semplici. PRIMO i grandi patrimoni in Italia non ci sono più e quelli che ancora ci sono, sono dei politici, quindi NON TOCCABILI tramite patrimoniale.

SECONDO, i grandi patrimoni rendono molto poco, rispetto a milioni di piccoli patrimoni.  Allo stato attuale immagino anzi sono certo, di una patrimoniale sui conti in banca.

Il momento è propizio: hai costretto ogni cittadino ad avere i soldi in banca, hai limitato la possibilità di farli sparire. Ora devi solo rubarli. E così sarà fatto.

Un’altra possibilità sarebbe il tassare i titoli di Stato, idea semifolle, che non credo verrà avanzata. Anche se mi piacerebbe infinitamente che quei coglioni che si sono comprati i BTP Italia venissero fregati per la terza volta consecutiva. Che imparino che a dar retta al Governo ci si rimette sempre.

Suppongo però che la Patrimoniale vada a colpire direttamente il conto in banca. Ragion per cui vi lascio con una promessa.

Il giorno stesso in cui dovesse vincere le elezioni il PD, oppure un Monti Bis, il giorno dopo io sono in banca ad azzerare il mio conto corrente.

Inoltre, piuttosto che mollare dei soldi a questa gente qua, sono pronto a bruciarli in piazza, i miei quattrini. Che facendo pure un pò di sana deflazione porto anche sollievo al potere di acquisto delle persone.

Annunci
 
4 commenti

Pubblicato da su 3 dicembre 2012 in politica, socialismo, tasse

 

Tag: , , , , , ,

4 risposte a “Il PCUS ha scelto: vince le primarie la Patrimoniale.

  1. arkangela

    4 dicembre 2012 at 00:11

    Complimenti, mi piace chi parla chiaro.

     
  2. Andrea P.

    4 dicembre 2012 at 16:55

    Amen! I miei sono belli che “spariti”, non si sa mai… E sto prendendo accordi con l’azienda per avere in contanti 999,99 neuri, e il resto con bonifico (che prelevo subito).

     
  3. Sav

    5 dicembre 2012 at 15:14

    “Un’altra possibilità sarebbe il tassare i titoli di Stato, idea semifolle, che non credo verrà avanzata. Anche se mi piacerebbe infinitamente che quei coglioni che si sono comprati i BTP Italia venissero fregati per la terza volta consecutiva. Che imparino che a dar retta al Governo ci si rimette sempre.”

    Dici che imparano? La vedo dura, se arrivano a prenderlo in culo per la terza volta…
    Tuttalpiù scenderanno in piazza per chiedere un cambio di vasellina e, naturalmente, la pena di morte per il cattivo evasore.

    Per quanto riguarda la vittoria di Bersani l’ipotesi di broglio ci può stare tutta, anche se conoscendo la necrofiia spinta( vedi Diliberto con la mummia di Lenin) del cosidetto popolo di centro sinistra, il risultato delle primarie non mi sorprende poi tanto.
    Tutto sommato Renzi, oltre a non puzzare di morte già ad un km di distanza, anche solo per una mera questione anagrafica, mostrava una distanza piùttosto sospetta dalla tanto agognata condizione di cadavere ambulante così cara al popolo del PD.
    Per il resto concordo con te su tutta la linea.

     
  4. libertyfighter

    5 dicembre 2012 at 19:55

    Ma non è che sono brogli. E’ che sono semplicemente pupazzi. Nel 1957, i comunisti passavano casa per casa a dire ai loro chi votare. Da sempre a sinistra (ma pure i democristiani), si fanno il loro sottobosco di mentecatti che li votano anche mentre gli stessi gli stanno stuprando la figlia.
    Loro sono i “democratici”, sono i “bravi cittadini”, voteranno sempre e comunque lo stronzo che gli dice il Partito. Sono robot. Gli dicono batti le mani e battono le mani, gli dicono protesta e protestano, scendi in piazza e scendono in piazza, fatti menare dalla polizia per la gloria del Partito e quelli coglioni, si fanno menare dalla polizia per la gloria del partito. Gli dicono ulula all’evasore e loro ululano.
    Gli dicono vota Bersani, perché te lo dice Baffino, e loro memori di Stalin, vanno in fila indiana a votar baffino.
    Del resto il socialismo implica l’inazione, e loro sono inattivi. Non usano il cervello perché inutile a qualunque essere che non agisca. Aspettano solo che qualcuno gli dica che fare.

    Coloro che si sono semi svegliati han votato Renzi, ma sono destinati a perdere anche perché il socialismo chiama il socialismo. Non puoi mantenere la facoltà di agire e scegliere se aderisci al socialismo. E quindi col tempo ha ragione Bersani. Il party sceglie e voi votate quello che il party ha scelto. Se volevi scegliere tu non cercavi un partito socialista.

     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: