RSS

Perché il Quantitative Easing è sempre un furto.

10 Mag

Benché il motivo per cui il QE, ovverosia l’inflazione monetaria ( l’aumento della massa monetaria tramite creazione della moneta dal nulla) sia un furto  dovrebbe essere lapalissiano ed evidente a tutti, nella società moderna, imbevuta di cazzate socialiste e stataliste,  questa evidenza sfugge ai più. In questo articolo mi propongo di fornire una serie di dimostrazioni che, se lette con un pizzico di attenzione dovrebbero fugare tutti i dubbi di coloro che ancora non riescono a rendersene conto.  Non c’è infatti nulla di più triste di vedere gente osannare coloro che li depredano perché convinti invece di star ricevendo dei benefici.

DIMOSTRAZIONE INDUTTIVA SEMPLIFICATA

Consideriamo, per semplicità e senza perdita di generalità che tutti i beni in una data area sottoposta a corso forzoso, moneta fiat e quantitative easing,  siano rappresentati da una torta. Supponiamo, sempre senza perdita di generalità e per semplicità  che la società intera sia composta da dieci individui, di cui uno, che chiameremo Bank, sia colui che ha il potere di inflazionare la moneta. Dovendo partire da una situazione di beni in possesso di qualcuno, per semplicità supporremo che la torta sia divisa in dieci fette e che ognuno sia proprietario di una fetta.  Infine, supporremo che all’istante iniziale (d’ora in avanti t0) ognuno dei dieci individui componenti la società sia in possesso di una banconota, per un totale di dieci banconote tutte di taglio uguale.

All’istante t0  1/10 della massa monetaria rappresenta 1/10 dei beni esistenti nella nostra area e, a parità di altre condizioni, ognuno può vendere la sua fetta di torta per 1 banconota agli altri. All’istante t0 quindi abbiamo tutti gli appartenenti alla società nelle stesse condizioni.

Supponiamo adesso che Bank sia in grado di stampare altre 10 banconote, e lo faccia. All’istante t1, istante in cui Bank crea 10 nuove banconote, la massa monetaria diventa 20 banconote, le quali, rappresentano ugualmente tutta la quantità di beni in circolazione che, non essendo cambiato nulla fuorché lo stampaggio di massa monetaria, sono ancora la torta di prima.

Quindi, adesso ogni banconota rappresenta solo 1/20 dei beni esistenti al mondo ed ogni persona che sia rimasta con una banconota, si trova improvvisamente ”proprietario” di  1/20 dei beni esistenti.  Questo è vero per tutti tranne per  Bank. Bank, improvvisamente si trova in possesso di  11 banconote sulle 20 esistenti al mondo e quindi si trova “proprietario” di poco più della metà dei beni esistenti. Diciamo poco più di mezza torta.

Il motivo per cui la parola proprietario è tra virgolette è perché fino a che non si concretizza uno scambio monete per fette di torta, la proprietà non cambia e non è detto che gli altri siano disposti a cedere la loro fetta di torta per lo stesso numero di banconote di prima.

In ogni caso, Bank, che ha inflazionato la moneta, si ritrova nella possibilità di forzare la mano a tutti gli altri proponendo prezzi di mercato per la loro fetta di torta che sono molto più alti di quelli di tutti gli altri e quindi in caso di volontà, da parte di uno dei partecipanti di vendere i propri beni, Bank si avvantaggia potendo offrire di più. Paolo, uno dei restanti 9 vorrebbe comprare la fetta di torta da Mario, che vuole vendere. Ma può offrire solo ed esclusivamente 1 banconota, quella che aveva prima.  Anche Giovanni può offrire solo una banconota, ma invece Bank può offrire fino ad 11 banconote (che non si è guadagnato almeno le successive 10) e quindi Mario finirà per vendere la sua torta a Bank per un prezzo diciamo di 2 banconote.

Quel che è accaduto è che l’aumento di massa monetaria ha reso de facto colui che l’ha stampata più ricco di prima, ma siccome la torta non è aumentata, almeno nell’immediato (e per dimostrare il furto NON E’ NECESSARIO andare più in là dell’immediato), la ricchezza in più che si ritrova BANK, è pari alla somma della ricchezza PERSA dagli altri partecipanti.

Tutto questo è valido a tempo zero, non è necessario stimare i vari effetti che la stampa di moneta causerà nel tempo (aumento del prezzo della torta, disponibilità da parte di BANK di prestare moneta creata ad interesse guadagnando così sugli altri, distorsioni del  mercato causato dall’afflusso di denaro in tutto ciò che piace a BANK e dalla mancanza di fondi in tutto ciò che NON piace a BANK). Questi effetti ci sono, appaiono nel tempo e in gradazioni diverse a seconda delle regole che stabilisce BANK nell’utilizzo del denaro nuovo fresco stampato.   Ma il passaggio di potere di acquisto, dagli altri 9 verso BANK si concretizza nell’istante stesso in cui BANK ha fatto QE. Siccome tale passaggio di potere di acquisto non è frutto di uno scambio volontario, ma di uno scambio forzato da parte di BANK, questo atto rientra perfettamente nella definizione di  Furto.   CVD.

 SECONDA DIMOSTRAZIONE: Dimostrazione per assurdo.

Le dimostrazioni per assurdo sono un tipo particolare di dimostrazioni matematiche. Si confuta la tesi che si vuole dimostrare e si fa vedere che tale confutazione porta ad un assurdo logico. Essendo la deduzione assurda è chiaro che la tesi non può essere falsa e quindi si ottiene la dimostrazione voluta.

Supponiamo quindi che la tesi che voglio dimostrare sia falsa.

IL QE NON E’ un FURTO.

Se il QE non è un furto, ciò significa che non è uno scambio forzato in cui si toglie qualcosa a qualcuno per darlo a qualcun altro senza possibilità da parte del possessore di rifiutarsi.

Ma se non si sta togliendo nulla a nessuno i casi sono due. O il QE non cambia assolutamente nulla (è neutro, se volete inutile), oppure arricchisce qualcuno SENZA impoverire altri.

Se il caso fosse uno di questi due, discenderebbe che una serie di QE uno dopo l’altro non impoverirebbero nessuno.  Supponiamo quindi di far tendere l’aumento della massa monetaria ad infinito. Vale a dire, se nell’esempio di prima abbiamo raddoppiato la massa monetaria, invece adesso stampiamo talmente tante banconote da avere una massa monetaria infinita o praticamente infinita per i nostri scopi. Significa azzerare la domanda di moneta. Significa che la moneta è come l’aria, un bene che non è più economico perché ce ne sta in abbondanza per tutti tanto da non competere più per tale bene.  Ora, il fatto che il bene moneta diventi  “non economico” dovrebbe già far aprire gli occhi sul fatto che il valore della singola banconota per massa monetaria che tende ad infinito, tende a zero.   D’altra parte,  la massa monetaria globale rappresenta la quantità globale di beni che può essere comprato e scambiato.  Siccome la quantità globale dei beni non tende ad infinito come la massa monetaria, accade che ogni banconota comincia a rappresentare    1/Massa monetaria  * BENI TOTALI.    Se fate il limite di questa formula per Massa Monetaria infinita, ottenete che ogni banconota non compra più nulla.

In altri termini il valore del conto in banca e dei soldi nel  vostro portafogli,  diventa NULLO, perché voi possedete solo una quantità finita di moneta che è una frazione di un infinito, ovvero ZERO.  D’altra parte, chi ha stampato INFINITA MASSA MONETARIA, si ritrova ad avere  INFINITO – Sommatoria(q)

    dove la sommatoria è la somma della quantità di moneta di tutti voi, quella che non possiede colui che stampa. Ma essendo una quantità finita, sottratta ad infinito non scalfisce per nulla la quantità di moneta che chi ha fatto QE possiede. Ovviamente non è necessario arrivare ad infinito, tali considerazioni sono validissime pure se semplicemente la quantità di moneta stampata sia molto molto maggiore di quella presente nel mercato.

In questa situazione, SENZA il corso forzoso che obbliga la gente ad usare la moneta, avviene semplicemente il fallimento della stessa.  Nel caso in cui il corso forzoso ci sia e funzioni, si ottiene che chi ha fatto QE possiede tutta la ricchezza esistente (è in grado di comprare tutto a qualsiasi prezzo), mentre tutti gli altri si ritrovano senza alcun valore reale.  La dimostrazione di quel che avviene quando la massa monetaria diventa infinita è questa e non necessiterebbe di ulteriori conferme. Per gli amanti delle statistiche storiche, è sufficiente andare a vedere cosa è successo in tutti quei posti in cui la massa monetaria è esplosa.  Dalla Germania post prima guerra mondiale fino allo Zimbabwe dei nostri giorni.

Ma l’ipotesi iniziale della nostra dimostrazione era che tramite il QE  nessuno veniva derubato, ma al limite qualcuno si arricchiva senza che altri venissero privati della loro ricchezza. Invece tramite una serie di QE sufficientemente lunghi e pesanti siamo arrivati alla situazione in cui tutti hanno perso tutto e colui che fa QE è in grado di comprare tutto il mondo.  Questo è un assurdo logico e quindi la tesi “IL QE non è un furto” DEVE essere per forza FALSA.

E’ appena il caso di osservare nuovamente che tutto questo avviene senza neppure definire COME vengano investiti da parte del banco i soldi che si è alacremente stampato. Non sono una variabile interessante né utile per la dimostrazione in corso. L’affermazione “Il QE è un furto” si dimostra a prescindere dal successivo utilizzo della stessa moneta, che come già spiegato, può portare a diverse conseguenze che vanno dall’aumento generale dei prezzi al consumo, alle bolle economiche in settori particolari, alle più o meno gravi distorsioni del mercato e della libera volontà delle persone.

Questa osservazione è importante, anzi direi decisiva da tenere a mente, per controbattere tutti  coloro che per dolo o ignoranza spostano l’attenzione su che giro fa la nuova moneta creata.  Non importa se la immetti nel mercato dei prestiti, se la usi per infrastrutture pubbliche, se la dai in beneficienza, se ci ripaghi debiti pregressi o quant’altro. Non importa neppure se la usi come reddito di cittadinanza.

In ogni caso, e per qualunque destinazione d’uso, il QE rimane un furto. Che si sostanzia nel momento stesso in cui crei la moneta e non successivamente per un uso che taluni possono ritenere sbagliato.

DIMOSTRAZIONE COMPLICATA

Sia B la quantità totale di beni scambiabili esistenti all’istante t0 in una data area e sia T il totale delle persone interessate dal processo di scambio presenti nell’area in oggetto.  Sia  D(B,T,t|t0) la distribuzione dei beni B tra le T persone all’istante iniziale t=t0;

Sia M0 la quantità totale di moneta circolante a t=t0 nell’area in questione.

Supponiamo che in tale area ci sia una entità chiamata BANK che sia in grado di aumentare arbitrariamente M, passandolo da M0 ad M0+QE  in un dato istante t1, con QE > 0.

Essendo M0 la quantità di moneta che all’istante t0 rappresentava la totalità di B,  nell’istante t1 in cui M diventa M1, si ha che BANK ottiene una maggiore quantità di moneta per partecipare al processo di scambio che produce la distribuzione D. Se sostituiamo a B il valore  M0 che rappresenta tutti i beni espressi in moneta corrente abbiamo che :

D(B,T,t|t0) = D(M0,T,t|t0)  per t=t0

Un epsilon prima del QE abbiamo la seguente identità:

D(B,T,t|t1-e) = D(M0,T, t|t1-e)

Un istante dopo avremo:

D(B,T,t|t1) = D(M0+QE,T,t!t1)

Potendo supporre B e T costanti nel periodo  e  o comunque non variati significativamente, otteniamo  che B= M0+QE ovvero che i beni esistenti all’istante del quantitative easing vengono redistribuiti su un numero di monete che adesso è maggiore, essendo QE maggiore di zero.   Siccome QE è in mano a qualcuno, ne deriva che questo qualcuno ha diminuito la quantità di beni  che M0 era in grado di rappresentare , facendone rappresentare una parte a QE, che è di sua proprietà. In pratica, i possessori di M0 hanno perso beni  reali a beneficio del  creatore di QE, tramite un passaggio forzato e non volontario. Un furto. CVD

DIMOSTRAZIONI ACCESSORIE

Qualcuno potrebbe obiettare che la moneta non rappresenti la quantità totale di beni scambiabili esistenti nella società. Per rispondere ad una tale asserzione è sufficiente provare a pensare al potere di acquisto di una moneta in una società in cui non ci sono affatto beni. Non c’è nulla. In tal caso, qualunque moneta  e qualunque quantità di moneta non vale nulla, a prescindere dal valore nominale che può riportare su di essa.  Induttivamente, una società in cui tutti i beni scambiabili fossero   1 (supponiamo una bicicletta),  a prescindere dalla quantità di moneta, siano esse una dieci cento, millemilamiliardi di banconote, esse permettono di acquistare al massimo (e solo) una bicicletta. La moneta rappresenta per forza beni reali e solo beni reali, perché le persone sono interessate ai beni reali e non ad un numero arbitrario scritto su un foglio di carta. Vogliono possedere ciò che puoi ottenere con una data quantità di moneta, non una data quantità di moneta  a prescindere da ciò che essa possa comprare.

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 10 maggio 2015 in Uncategorized

 

3 risposte a “Perché il Quantitative Easing è sempre un furto.

  1. giostark

    12 maggio 2015 at 10:10

    Divorato…come sempre.

     
  2. Fabio Piccinin

    2 settembre 2015 at 15:28

    Tutto giusto. Dimostra effettivamente l’ impoverimento attuale. Ma tutto il ragionamento presuppone di avere beni in quantità costante e non variabili o meglio capactà produttive zero. Se per idea faccio QE perchè mi serve ma a fronte di una o più fette di torta corrispondenti vedremo che non ci sono distorsioni inflattive. Non ci sono distorsioni inflattive nella vita reale in caso di QE quando c’ è l’ intervento regolatore di quella cosa chiamata Stato che ai liberisti purtoppo poco piace. Nel senso che lo Stato (cioè noi ) possiamo decidere che Bank non può acquistare o vendere fette di torta a prezzi maggiori di 1 moneta. Questo proprio per evitare quelle che si chiamano speculazioni e distorsionni del mercato a danno della povera gente.

     
    • libertyfighter

      3 settembre 2015 at 15:35

      No Fabio. Prima di tutto, il ragionamento non presuppone di avere beni in quantità costante: afferma che i beni SONO costanti nel periodo tra un microsecondo prima del QE e un microsecondo DOPO il QE.(Fai riferimento ad esempio alla “spiegazione complessa”. E questo è vero SEMPRE a meno di non presupporre una produttività INFINITA. Il ragionamento dimostra peraltro che è in quell’istante che si concretizza il furto e NON ABBIAMO BISOGNO di andare a investigare sul COME il frutto del furto venga investito nella società.

      Anche se prendiamo invece dello Stato o della Banca, tale Lupin, che ruba a un tizio X e poi con quei soldi ci apre una fabbrichetta e da lavoro a tante persone, non potremmo giudicare la cosa come “buona”, in quanto questo significa che qualunque furto, effettuato per qualunque motivo che produca consumi o investimenti è un “bene” per la società. In pratica anche se io ti svuoto il conto in banca e mi compro due ferrari, questo sarebbe un bene. Così non è.
      Una volta che hai realizzato che ti hanno rubato dei soldi, è poi completamente futile disquisire sul come venga utilizzato il maltolto.

      Riguardo la seconda parte del ragionamento, ovverosia che poi “noichesiamolostato” decidiamo che Bank non può acquistare o vender fette di torta a prezzi maggiori, neanche questo funziona, come ragionamento.
      Primo perché se bank acquista due torte una per sé e una per il legislatore, troverà sicuramente una legge che gli permetterà di farlo, e così è, come è evidente. E tutto questo perché il legislatore “chedovremmoesserenoi”, ma non lo siamo, trae vantaggio dai soldi di Bank e Bank trae vantaggio dalle leggi di Bank.
      Tu al legislatore non puoi offrire nulla se non il tuo unico pezzo di torta. Bank può offrire metà della torta. D’altra parte tu non puoi offrire nulla a Bank, mentre il legislatore può offrire tante leggi ad hoc a Bank.
      Indipercui, tu perdi in partenza.
      Secondo. Nella realtà Bank non “compra torte”, ma PRESTA soldi a Giovanni, il quale poi compra torte. A 3-4-5 monete, a seconda di quante Bank gliene abbia prestate. Quindi tu non puoi regolamentare l’acquisto di torte di Bank, ma dovresti in caso regolamentare l’acquisto di tutto da parte di tutti, o in alternativa regolamentare il mercato dei prestiti da parte di BANK.
      Ora, stabilire prezzi di mercato per ogni bene è una fallacia economica dimostrata e ridimostrata da quel dì. Produce scarsità e/o merci invendute. Non funziona.
      Stabilire che Bank non può prestare più di tot soldi, significa in buona sostanza non fare QE, perché infatti BANK poteva già prestare i SUOI soldi prima di stamparli. Ma pare che la vulgata dica che NON BASTANO e che si deve fare QE.
      Ovverosia, tu, e tanti altri, siete lì a pressare affinché BANK faccia proprio questo ed in misura sempre più forte: PRESTARE SOLDI STAMPATI DAL NULLA ad altri.

       

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: