RSS

Archivi categoria: scienza malata

Le nuvole sono a quote più basse: possibile effetto raffreddamento

Così affermano gli eminenti scienziati dell’università di Auckland.

Dicono che questo possibile effetto di raffreddamento potrebbe contrastare il “global warming” provocato dall’uomo.

E io che pensavo che il global warming non ci fosse perché sono dieci anni che sparano puttanate colossali sugli effetti climatici indotti dall’uomo. Io che pensavo che avessero taroccato i dati. Invece come al solito, c’avevano visto giusto, e il global warming antropico non sta avvenendo, o ritarda a causa di queste nubi più basse.

Ahhh ecco. Quanto sono diffidente alle volte. Il global warming antropico c’è è assodato. Solo che non ha alcun fenotipo a causa di queste nuvolacce infami.

Solo che sono proprio diffidente, e adesso sto pensando che qualcuno cerca di salvare capra e cavoli ed ha creato una proposizione teologica (“ESISTENZA DEL GLOBAL WARMING ANTROPICO), indimostrabile come un mistero della fede, perché non è osservabile (A causa delle nuvole eh…).

Nel frattempo nel mondo, per dare retta a queste graziose teste di cazzo, abbiamo bruciato fantastilioni di dollari e obbligato le aziende a limitare la produzione per produrre meno “ossigeno per piante”, che probabilmente non ha alcun effetto negativo salvo l’aumento di floridezza  di boschi, foreste e mari.

 

 

 

Annunci
 
3 commenti

Pubblicato da su 24 febbraio 2012 in cronaca, scienza malata

 

Tag: , ,